PORTAVOCE UE: SU PRESTITO PONTE ALITALIA NON SPECULIAMO

BRUXELLES - L'antitrust europeo "non può speculare" sulle indiscrezioni di stampa circolate sul caso Alitalia, in particolare sul prestito ponte che secondo alcuni media potrebbe essere a breve bocciato dalla Ue. Lo ha detto un portavoce della Commissione europea.

In base alle regole, Bruxelles ha 20 giorni di tempo per rispondere all'Italia dopo la notifica formale del prestito. Ma la scadenza è perlopiù teorica, perché si allunga ad ogni nuova richiesta e invio di informazioni tra Bruxelles e Roma.

(Ansa)

 

 

 

 

L'ALITALIA VOLA A LIVERPOOL PER I TIFOSI DELLA ROMA

ROMA - Un volo per accompagnare i sogni diChampions League  della  As Roma  e dei suoi tifosi. E’ con questo obiettivo che l'Alitalia ha annunciato la  messa in vendita dei biglietti del volo speciale Roma-Liverpool  del  24 aprile , che permetterà ai giallorossi di assistere alla semifinale di andata della massima competizione europea per club, che vede la Roma come unica squadra italiana dopo l'eliminazione della Juventus. Il  collegamento diretto  offrirà complessivamente ai tifosi giallorossi  524 posti  fra andata e ritorno ed è in vendita sul sito del vettore e nelle agenzie di viaggio.
"Il volo - ha spiegato Alitalia in una nota -  decollerà da Roma Fiumicino alle ore 10.00 , con arrivo a Liverpool alle 12.10 locali. Il volo ripartirà dopo la partita, all’1.00 di notte del 25 aprile, con arrivo a Fiumicino alle ore 4.50". Il collegamento sarà effettuato con un aereo  Airbus 330  e si aggiunge alla normale offerta di Alitalia sull’Inghilterra, che vede la compagnia italiana operare quattro voli al giorno fra  Roma e Londra Heathrow  e otto voli al giorno fra  Milano Linate e la capitale inglese  (sei con l’aeroporto Londra City e due con Londra Heathrow).

 

 

 

 

A FIUMICINO "ALITALIA ONLUS" DONA UN BUS PER I DISABILI

ROMA - L’Associazione Insieme con i disabili Onlus di Fiumicino potrà contare da oggi su un nuovo pulmino per il trasporto dei diversamente abili. A donarlo è stata l’Associazione 

Area Solidarietà Alitalia Onlus.

L’Ass.ne INSIEME CON I DISABILI Onlus è presente sul territorio di Fiumicino da circa 7 anni. Organizza eventi di solidarietà ogni anno ed ha sempre mostrato grande riconoscenza a chi, in un modo o nell’altro, ha voluto sostenerla nel grande percorso di crescita fatto sin qui.  “Il nostro obiettivo – ricordano dall’asssociazione – è sempre quello di costruire un centro diurno che verrà chiamato “La casa di Enzo” in ricordo di un ragazzo che è scomparso prematuramente, che faceva parte del nostro gruppo ragazzi e che ci è rimasto nel cuore, ma nel contempo continuiamo a svolgere attività quotidiane con i ragazzi, ludico ricreative e di socializzazione”. E’ in quest’ottica che la donazione del mezzo di trasporto per i diversamente abili è quantomai una vera e propria ‘benedizione’. “Era da tempo che necessitavamo di un secondo pulmino trasporto per i disabili, per noi di estrema importanza, per poter permettere ai ragazzi di raggiungere il luogo delle attività pomeridiane, in quanto i ragazzi ora sono diventati 22, ma le nostre possibilità economiche ci impedivano questo acquisto”. 

“Con nostra grande sorpresa e gioia siamo stati aiutati dall'Associazione Area Solidarietà Alitalia Onlus che ci ha donato un pulmino attrezzato per il trasporto disabili”. “Il pulmino verrà inaugurato sabato 21 aprile 2018 presso la nostra sede In via Coni Zugna 56/f in occasione di un piccolo evento di ringraziamento da noi organizzato con la presenza dei ragazzi e genitori della nostra Associazione Insieme con i Disabili, del loro Presidente Mauro Stasio , i soci della Associazione donatrice Area Solidarietà Alitalia onlus , il loro presidente Antonio Bertaccini e il Sindaco di Fiumicino dott. Esterino Montino”, concludono dall'associazione.

 

 

 

 

LA CORTE UE: LA COMPAGNIA DEVE RIMBORSARE IN CASO DI SCIOPERO

LUSSEMBURGO - In caso di sciopero del personale, le compagnie aeree sono tenute a rimborsare i passeggeri rimasti a terra in quanto non si tratta di una “circostanza eccezionale”. E’ quanto ha stabilito la Corte di giustizia dell’Ue in merito al caso Tuifly che, nel settembre 2016, in seguito all’annuncio di un piano di ristrutturazione, ha visto piloti e personale di cabina non presentarsi al lavoro con conseguenti cancellazioni e ritardi dei voli. La compagnia aerea si è però rifiutata di compensare i clienti, ritenendo lo “sciopero selvaggio” un evento al di fuori del suo controllo.

I giudici di Lussemburgo hanno dato torto a Tuifly, stabilendo che le circostanze eccezionali che esonerano un vettore aereo dal rimborso “non devono essere, per sua natura o per sua origine, inerenti al normale esercizio dell’attività della compagnia aerea” e devono “sfuggire all’effettivo controllo di quest’ultima”.

 

 

 

PANICO SU AEREO DELLA SOUTHWEST: UNA VITTIMA

PHILADELPHIA - Un Boeing 737-7H4 (WL) (marche: N772SW) di Southwest Airlines diretto a Dallas è stato costretto ad un atterraggio di emergenza sull'aeroporto di Philadelphia, in Pennsylvania. Il velivolo ha subito un guasto ad uno dei motori poco dopo la partenza dall'aeroporto "Fiorello La Guardia" di New York alle 10:43.

Alcuni detriti hanno danneggiato un’ala mentre altri frammenti hanno colpito violentemente un finestrino, provocandone la rottura. In seguito alla forte decompressione in cabina, una passeggera del volo WN1380 stava per essere risucchiata fuori dall'abitacolo quando tre viaggiatori sono riusciti ad afferrarla. Jennifer Riordan è in seguito deceduta a causa di un infarto. La 43enne manager della compagnia di servizi finanziari Welss Fargo era di ritorno ad Albuquerque, in News Mexico, dove viveva con il marito e i suoi due figli.

Mentre a bordo dilagava il panico, i piloti comunicavano con la torre di controllo e optavano per una discesa d'emergenza, conclusa con l'atterraggio alle 11:19. Al momento dell'incidente l'aereo si trovava a circa 30 mila piedi (9,1 km) di altitudine e trasportava 143 passeggeri e 5 membri d'equipaggio.

"La sicurezza per noi è sempre una priorità. Stiamo lavorando in maniera diligente per offrire supporto ai clienti e all'equipaggio. Condivideremo informazioni quando saranno confermate", ha comunicato la compagnia aerea americana in un tweet. Ntsb (National Transportation Safety Board), l'agenzia investigativa indipendente degli Stati Uniti che si occupa di indagare sugli incidenti nel settore dei trasporti, ha inviato i propri periti sul luogo perché procedano all'analisi di tutti i dati riguardanti l'incidente che ha provocato un decesso e alcuni feriti.

 

 

 

 

AIR ITALY ESPANDE IL NETWORK VERSO L'INDIA

MILANO - Parte il 30 ottobre 2018 il nuovo volo Air Italy da Milano Malpensa a Mumbai, la quarta nuova destinazione internazionale servita dal suo hub di Milano Malpensa nel 2018. Il servizio verrà operato da un Airbus A330-200, dotato di 24 posti in Business Class e 228 posti in Economy Class.

Il primo collegamento di Air Italy per l’India prevede cinque voli settimanali fra Milano Malpensa e Mumbai, sarà l’unico volo diretto con la “Città dei sogni” sia da Milano, sia dall’Italia. Si tratta della quarta nuova rotta internazionale aperta da quando Air Italy ha annunciato il suo nuovo progetto e il nuovo brand. Questo servizio diretto da Milano a Mumbai segue infatti le tre rotte per New York e Miami in partenza da giugno 2018 e per Bangkok, previsto da settembre 201

“Mumbai arricchisce la costruzione del nuovo network di Air Italy e mostra chiaramente l'importanza del mercato asiatico per la Compagnia. Esiste un significativo potenziale di crescita della nostra presenza in India, grazie ai grandi cambiamenti sociali che interessano la classe medio-alta indiana e allo sviluppo economico del Paese" ha commentato Marco Rigotti, vice presidente esecutivo di Air Italy.

La strategia di Air Italy è quella di espandere il proprio network sia con voli diretti, sia con accordi di codeshare. In questa direzione va quello siglato con Qatar Airways che da oggi offre ai clienti di entrambe le compagnie un servizio di connettività avanzata tra le sette principali destinazioni in Italia, il Qatar, le Maldive e Singapore.

In base all'accordo, infatti, il codice "IG" di Air Italy sarà posto sui voli Qatar Airways tra Doha e Roma Fiumicino, Milano Malpensa, Pisa e Venezia, così come sui voli tra Doha e Singapore e le Maldive. Allo stesso tempo, Qatar Airways inserirà il suo codice "QR" sui voli Air Italy tra Milano Malpensa e Roma Fiumicino, Napoli, Olbia, Palermo, Catania e Lamezia Terme, nonché tra Roma Fiumicino e Olbia.

 

 

 

 

AIR CAIRO APRE LE ROTTE SU LUXOR E HURGHADA

ROMA - Anche Luxor ed Hurghada entreranno presto nel network di Air Cairo. In inverno presumibilmente. Dopo l’annuncio dell’apertura della rotta Milano Malpensa-Borg El Arab che sarà operativa dal prossimo 29 aprile, con un volo operato ogni domenica, e poi un secondo collegamento a partire dal 7 giugno, la compagnia porta avanti i suoi piani di espansione in Italia con l’obiettivo di coprire tutta la domanda proveniente dal mercato.

“Come avevamo preannunciato la nostra sfida non si ferma al Mar Rosso ed include mire anche sulla costa mediterranea e sull’Egitto classico - ha affermato Essam Azab, direttore commerciale Air Cairo, nel corso della conferenza stampa a Roma ha annunciato i nuovi progetti del vettore -, stando ai dati di febbraio 2018, dall’Italia abbiamo trasportato 4117 turisti, registrando una crescita significativa se si considera che a novembre 2017 eravamo a quota 793. Più in generale, sui nostri mercati di riferimento Europa e Medio Oriente, siamo arrivata a trasportare 1 mln e 300mila passeggeri”.

La compagnia egiziana partecipata al 60% da Egyptair e al 40% da due delle più importanti banche egiziane (National bank of Egypt e Misr Bank), oggi conta 67 voli settimanali sull’Europa e prevede di toccare quota 85 entro la fine del 2018. Sull’Italia opera con 8 voli settimanali che dal 7 giugno diventeranno 10: da Milano Malpensa a Marsa Alam e a Sharm El SHiekh, ma anche da Napoli, Bari e Roma Fiumicino verso Sharm El Sheikh,

Entro il 2020 la flotta conterà 15 aeromobili, attualmente le operazioni sono effettuate con 10 Airbus A320 e 1 Boeing 737-800.

“Voglio ribadire che quello di Air Cairo sul territorio italiano è un volato di linea, con una distribuzione che si avvale di tutti gli strumenti e i canali tipici di questo genere di programmazione - ha detto Riccardo Santagostino, direttore marketing di Non Solo Sogni, agenzia che affianca il vettore in Italia per tutta la parte operativa e commerciale -. Ci avvaliamo del supporto del Gsa, delle agenzie di viaggi, di un Gds (Amadeus), di un call center che verrà attivato entro la fine dell’anno e di un sito web. L’apertura del collegamento su Borg El Arab, nella zona di Alessandria d’Egitto - ha detto ancora Santagostino - ci permetterà di rispondere alle esigenze di un intenso traffico etnico, ma anche di soddisfare l’interesse di numerosi tour operator intenzionati a sviluppare il prodotto mediterraneo, ma anche e soprattutto quello classico, con itinerari in partenza proprio da Alessandria”.

Tra i servizi esclusivi che la compagnia offre ai propri passeggeri, sono da segnalare l’assegnazione posti, la possibilità di trasportare bagagli fino a 30 kg di peso, ma anche animali (max 7 kg), bambini non accompagnati, attrezzatura sportiva e attrezzatura per disabili.

Anche grazie al supporto di Air Cairo, che ha iniziato le operazioni in Italia lo scorso 29 ottobre, il turismo in Egitto è in netta ripresa. Gli arrivi a gennaio sono stati 15.707, rispetto ai 12.471 del gennaio 2017 (+25,9%). A febbraio 19.241 mentre nello stesso periodo dell’anno scorso erano stati 10.922 (+76,2%).

( a.te. -guidaviaggi)

 

 

 

 

 

 

 

VOLOTEA LANCIA IL PISA-TOLOSA

PISA - È decollato pochi giorni fa (12 aprile 2018) il nuovo volo internazionale in partenza dal Galileo Galilei alla volta di Tolosa (19.200 posti in vendita e 2 frequenze settimanali - giovedì e domenica) operato da Volotea. Il vettore ha già riattivato anche il collegamento alla volta di Bordeaux (operativo dal 5 aprile) con 2 frequenze settimanali (mercoledì, domenica), mentre dovrà attendere ancora qualche giorno chi desidera raggiungere Nantes e Palma di Maiorca, le cui ripartenze sono in calendario rispettivamente per il 19 aprile con 2 frequenze settimanali (giovedì, domenica) e 27 giugno con 2 frequenze settimanali (mercoledì, domenica).

“Dopo il successo dell’estate scorsa, siamo davvero felici di ritornare a volare da Pisa - commenta Valeria Rebasti, commercial country manager Volotea in Italia -. Con la novità di Tolosa, salgono a 3 le destinazioni francesi raggiungibili dal Galileo Galilei: per la prossima estate, i passeggeri potranno scegliere se volare verso Bordeaux, alla scoperta della regione di uno dei vini più famosi al mondo, verso Nantes, per visitare la Valle delle Loira, oppure alla volta di Tolosa, la “Città Rosa”, ricca di fascino e storia. Per chi invece alla cucina francese, preferisce paella e sangria, da giugno riparte il collegamento con le isole Baleari, più precisamente con Palma di Maiorca, un’isola paradisiaca lambita dal Mar Mediterraneo”.

Non va dimenticato come i collegamenti firmati Volotea contribuiscano ad incrementare non solo le opportunità dei viaggiatori toscani di decollare verso l’estero, ma alimentino anche il traffico incoming verso Pisa e le sue terre, meta imperdibile per gli amanti dell'arte, e porta d’accesso per visitare la Toscana, una regione dalle bellezze conosciute a livello mondiale.

Per supportare il territorio e dare visibilità alle bellezze artistiche locali, la low-cost, lo scalo pisano e la Camera di Commercio di Pisa hanno unito le forze, organizzando un media trip che ha permesso, ad alcuni giornalisti francesi di Tolosa, di visitare le Terre di Pisa.

 

 

 

 

NEL SOUTH AUSTRALIA CRESCONO GLI ACCESSI AEREI

ADELAIDE - L'accesso crescente al South Australia dal punto di vista dei voli aerei è vitale per garantire quanti più visitatori possibile verso lo Stato. Il 2017 è stato un grande anno per lo sviluppo della destinazione e per gli accordi con le compagnie aeree. Il South Australia ha dato il benvenuto a Fiji Airways, al Dreamliner di Air New Zealand, al nuovo servizio di Jetstar da Hobart ad Adelaide e a QantasLink in volo verso Kingscote a Kangaroo Island.

E’ atteso un impulso al turismo e, prevedibilmente, anche maggiori opportunità di esportazione dai nuovi voli di Cathay Pacific che collegheranno Adelaide all’Asia.

Cathay, presente ad Adelaide da oltre 25 anni, introdurrà sei collegamenti giornalieri diretti dalla capitale del South Australia a Hong Kong – uno in più rispetto agli attuali cinque – a partire dal prossimo 28 ottobre. Il servizio aggiuntivo sarà operato con Airbus A330. Da ottobre, Cathay garantirà partenze pomeridiane il mercoledì, il venerdì e la domenica e partenze serali il martedì, il giovedì e il sabato.

 

 

 

 

 

IL SOLE 24 ORE: ECCO LE SPESE E LA BUONUSCITA DI NAPOLETANO

di Gianni Dragoni

 

ROMA - Acquisti con la carta di credito aziendale “non corredati da adeguata documentazione di supporto”. Costi per servizi di autista “manifestamente incongrui”. Rimborsi spese “la cui natura o documentazione di supporto risulta essere non conforme alle procedure aziendali”.

Sono alcune delle “anomalie” che la società di consulenza incaricata dal Sole 24 Ore, PricewaterhouseCoopers (PwC), ha riscontrato nell’analisi dei rimborsi spese a carico del Sole 24 Ore e a beneficio dell’ex direttore, Roberto Napoletano, nel biennio 2015-2016. Napoletano è stato direttore responsabile del quotidiano economico-finanziario controllato dalla Confindustria, direttore editoriale, nonché direttore di tutte le altre testate del gruppo Sole 24 Ore per sei anni, dal 23 marzo 2011 (nominato alcune settimane dopo che la redazione aveva votato la sfiducia a Gianni Riotta, quando presidente della Confindustria era Emma Marcegaglia) fino al 14 marzo 2017.

L’indagine per falso in bilancio

Napoletano è stato messo in aspettativa senza stipendio dopo che è emerso che era (ed è tuttora) indagato per falso in bilancio nell’inchiesta della Procura di Milano sulle dichiarazioni gonfiate delle vendite del quotidiano, riferite soprattutto alle copie multiple digitali, le cosiddette “copie taroccate”. Come lui, sono indagati per falso in bilancio anche l’ex presidente del Sole 24 Ore Benito Benedini e l’ex a.d. Donatella Treu. Dal 13 marzo 2017 il direttore del Sole 24 Ore è Guido Gentili.

Amministratore di fatto

Secondo le indagini Napoletano è considerato dai pm “amministratore di fatto” del Sole 24 Ore. Nel bilancio 2017 del Sole 24 Ore si riferisce della “sua costante presenza alle riunioni del consiglio di amministrazione“, di cui non faceva parte. Altre sette persone, ex dirigenti o esterni al gruppo, sono indagati per appropriazione indebita.

Le “spese pazze”

Il 2 agosto 2017 Il Sole 24 Ore ha firmato con Napoletano un accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro subordinato. L’analisi commissionata a PwC dall’attuale vertice del Sole 24 Ore riguarda le cosiddette “spese pazze” di Napoletano. Le prime contestazioni su questo tema erano state mosse nel settembre 2016 dall’allora a.d. del gruppo editoriale, Gabriele Del Torchio, nominato solo tre mesi prima da Giorgio Squinzi.

Il paracadute del direttore

Del Torchio si scontrò con Napoletano anche su un’altra questione. Aveva scoperto e contestato a Napoletano un documento segreto firmato con il precedente presidente Benedini, tenuto nascosto al cda, una “scrittura privata” del 3 febbraio 2015 che prevedeva un “paracadute” del direttore.

Secondo quanto riferito nella relazione del collegio sindacale al bilancio 2016, il patto segreto stabiliva il diritto di Napoletano a ricevere una buonuscita di “36 mensilità, qualora la società avesse deciso di risolvere il rapporto di lavoro con il medesimo senza una giusta causa, nonché il pagamento di 26 mensilità di retribuzione, nel caso di dimissioni conseguenti a un cambiamento del socio di controllo (oltre a quanto già spettante per legge)”.

Questa buonuscita era parametrata a uno stipendio fisso di Napoletano che nel 2016 era di 750mila euro lordi l’anno e sarebbe stata aggiuntiva al Tfr.

Lo scontro con Del Torchio

Nello scontro con Napoletano Del Torchio rimase isolato. La maggioranza del cda e in particolare il direttore generale di Confindustria Marcella Panucci e l’ex presidente degli industriali Luigi Abete (nella foto in apertura insieme a Napoletano) che è nel cda del Sole da oltre dieci anni sostennero Napoletano. Così fece anche Vincenzo Boccia, presidente della Confindustria da maggio 2016. Del Torchio fu cacciato dopo soli cinque mesi e, come abbiamo raccontato nell’articolo precedente, ha successivamente concordato una buonuscita di 980.000 euro lordi per l’interruzione del suo contratto.

Al suo posto il 15 novembre 2016 è arrivato Franco Moscetti. Il dossier “spese pazze” però non è stato insabbiato ed è stato sottoposto a verifica dopo che Napoletano, una volta emerso che è indagato per falso in bilancio, ha perso alcune delle potenti protezioni che lo avevano sostenuto.

“Scostamenti tra 250mila e 300mila euro”

La relazione del collegio sindacale al bilancio 2016, sottoposta all’esame dell’assemblea dei soci del Sole 24 Ore del 28 giugno 2017, ha informato che la società aveva affidato a PwC l’incarico di controllare le spese di Napoletano.

Tale analisi ha evidenziato scostamenti _ si legge nella relazione dei sindaci _ con particolare riferimento a costi direttamente sostenuti dal Direttore e a costi sostenuti dalla società in favore del Direttore, tenuto conto delle procedure e di quanto pattuito contrattualmente per un importo compreso tra Euro 250 ed Euro 300mila negli anni 2015 e 2016.

PWC _ aggiunge la relazione dei sindaci _ ha riferito verbalmente che dalle indagini svolte non risultano spese connesse alla disponibilità di una casa a New York del Dott. Napoletano. Il collegio invita la società a considerare tali risultanze nell’ambito della definizione del rapporto con l’ex Direttore”.

Gli accordi con Napoletano

In quella relazione non viene detto quali siano gli “scostamenti” nelle spese dell’ex direttore, né se le spese contestate siano state riaddebitate a Napoletano. E non se ne parla neppure nella relazione sulla remunerazione per il 2018, che sarà esaminata dall’assemblea degli azionisti il prossimo 27 aprile.

Poteri Deboli ha scoperto che nel prospetto pubblicato dal Sole 24 Ore a fine ottobre del 2017 per l’aumento di capitale da 50 milioni di euro si parla di nuovo delle “spese pazze” e si dà conto della conclusione del rapporto di PwC. Nel “Documento di registrazione” dell’aumento di capitale c’è un paragrafo, “Accordi con Roberto Napoletano”.

Aprendo il seguente link si può leggere quali sono le “anomalie” riscontrate da PwC nelle spese di Napoletano, le contestazioni che gli sono state mosse e l’accordo per la sua buonuscita.

Incentivo all’esodo di 700.000 euro

Nel prospetto si dice che il 2 agosto 2017 “la società ha sottoscritto un accordo con Napoletano per effetto del quale le parti hanno risolto consensualmente il rapporto di lavoro subordinato (…), con reciproca rinuncia al preavviso e/o alla relativa indennità sostitutiva. (…)
la società si è impegnata a versare alla controparte (in aggiunta alle spettanze maturate fino alla data della risoluzione) l’importo complessivo di Euro 700.000,00 lordi. La società _ prosegue il documento _ ha altresì rinunciato nei confronti di Napoletano a qualsivoglia domanda o pretesa derivante dal rapporto di lavoro intercorso con lo stesso, salvo quanto dovesse eventualmente emergere a carico del medesimo per fatti imputabili a suo dolo o colpa grave“. Da notare che l’incentivo di 700mila euro è aggiuntivo “alle spettanze maturate”, cioè al Tfr dell’ex direttore.

L’incarico alla società di consulenza

Il documento “evidenzia” che la società (…) ha conferito mandato ad una primaria società di consulenza (è PwC, ma in questo documento non viene nominata) di “svolgere un’analisi sulle spese sostenute dalla società in favore di Napoletano nel corso degli esercizi 2015-2016. Tale analisi si è conclusa con il rilascio – da parte del consulente – di un’apposita relazione, emessa in data 21 giugno 2017″.

Il documento prosegue: “I costi sostenuti dalla società in favore di Napoletano e oggetto di analisi sono stati classificati come
segue:
(i) costi direttamente sostenuti da Napoletano (con mezzi propri) e per i quali è stata richiesta una procedura di rimborso attraverso la presentazione di nota spese;
(ii) costi direttamente sostenuti da Napoletano attraverso la carta di credito aziendale in addebito sul conto corrente intestato alla Società e riepilogati all’interno della nota spese;
(iii) costi sostenuti direttamente dalla Società in favore di Napoletano riconducibili all’acquisto di viaggi e pernottamenti in hotel tramite agenzie viaggi;
(iv) costi sostenuti direttamente dalla Società in favore di Napoletano non disciplinati da alcuna procedura aziendale in quanto non afferenti alle spese di trasferta, riferendosi principalmente a benefit concessi al dipendente e previsti contrattualmente (locazioni abitative, servizio autista, e
altri servizi) ed altri costi a lui riferibili”.

Il rapporto PwC e le “anomalie”

Il documento del Sole 24 Ore riassume così le conclusioni di PwC: “Il rapporto del consulente ha evidenziato anomalie principalmente riferite a:

· rimborsi per spese sostenute da Napoletano la cui natura o documentazione di supporto risulta essere non conforme alle procedure aziendali di riferimento;
· transazioni di acquisto mediante utilizzo della carta di credito aziendale non corredate da adeguata documentazione di supporto;
· viaggi (treni/aerei/hotel) riservati da agenzie viaggi in violazione delle procedure di riferimento;
· beni e servizi contrattualmente previsti (i) il cui valore è risultato essere superiore al massimale previsto e/o (ii) afferenti ad emissioni multiple (ossia a più emissioni del medesimo biglietto a nome dello stesso soggetto, nella stessa data ma ad orari diversi);
· costi per servizi di autista manifestamente incongrui;
· costi per beni e servizi non contrattualmente previsti;
· fruizione di ulteriori beni o servizi di proprietà della società, ma in uso esclusivo del dipendente“.

“La società _ dice il documento del Sole 24 Ore _ ha tenuto conto di quanto precede ai fini della determinazione dell’importo riconosciuto a Napoletano nell’ambito della transazione sopra illustrata”. Par di capire che gli “scostamenti” nelle spese di Napoletano (quelli  che i sindaci nel giugno 2017 avevano quantificato in 250mila-300mila euro) sarebbero stati scontati prima di corrispondergli la buonuscita di 700.000 euro. Il documento non dice però l’importo delle trattenute e delle spese riaddebitate all’ex direttore. Si intuisce solo che, senza queste trattenute, la buonuscita avrebbe potuto essere ancora più elevata.

Alcune semplici domande

Non conosciamo il dossier “spese pazze” né la relazione di PwC e non siamo quindi in grado di esprimere un giudizio su questa vicenda. Ma abbiamo alcune domande molto semplici da rivolgere a coloro che siedono da anni nel cda del Sole (in particolare Abete e Panucci), all’azionista di controllo Confindustria, agli uffici del Sole 24 Ore: se i fatti sono quelli evidenziati nella relazione di PwC, possibile che nessuno si fosse accorto prima che c’erano “anomalie” nelle spese e nei rimborsi dell’allora direttore Napoletano?

Nessuno si era accorto ad esempio che l’ex direttore faceva comprare biglietti multipli nella stessa giornata per viaggi da Roma a Milano e poi tutti i biglietti, tranne quello effettivamente usato per il viaggio, erano da buttare? Nessuno ha mai fatto segnalazioni o denunce? Se sono state fatte dove sono finite? E per gli anni dal 2011 al 2014 sono state fatte verifiche sulle spese di Napoletano? In definitiva, come è stato calcolato l’incentivo all’esodo di 700mila euro di Napoletano?

(Gianni Dragoni - www.poterideboli.it - Il Sole 24 Ore)

 

 

 

 

 

 

I  LIBRI  

BORDONI: "LAI" E ALITALIA

ROMA - La storia della Linee Aeree Italiane è stata di breve durata, appena undici anni. Fondata nel 1946 è confluita in Alitalia il 1° novembre 1957. A partire da quella data, tutti gli onori e le glorie sono passati ad Alitalia. La LAI è così caduta nel dimenticatoio e pochi sanno che se Alitalia è potuta diventare una delle più grandi compagnie aeree del mondo – tale era negli anni Sessanta e Settanta – deve il suo successo anche al contributo fornito dell'altra aerolinea.

La storia delle Linee Aeree Italiane merita, dunque, di essere conosciuta innanzitutto per una questione di memoria storica e poi non fosse altro perché la compagnia Alitalia-Linee Aeree Italiane, sorta nell’ottobre 1957 a seguito della fusione fra i due vettori, deve molto alla sua consorella in termini di uomini e di mezzi. Negli ambienti delle due compagnie si ipotizzava, infatti, che se l’unione fosse avvenuta, sarebbe stata la LAI ad assorbire l’Alitalia e non viceversa.

Ricordare i giorni delle Linee Aeree Italiane vuol dire ripercorrere le cronache di una società che era decisamente superiore all’altro vettore italiano - erano i numeri a parlare-, ma che per una serie disgraziata di incidenti aerei si è preferito far confluire nell’altra compagnia aerea nazionale anch’essa nata nel dopoguerra praticamente in contemporanea per una questione di antagonismo fra USA e Regno Unito. Si può affermare che il merger tra la LAI e Alitalia sia stato una dei primi esempi di fusione avvenuti nella storia dell’aviazione commerciale mondiale.

Ma sulla LAI, oltre ad esservi ben poca letteratura, gli storici del trasporto aereo preferiscono “sorvolare”. Tutti sanno che il primo volo di Alitalia è avvenuto il 5 maggio 1947 quando un trimotore Fiat G12 decollò dall’aeroporto di Roma-Urbe per Catania. Ben pochi ricordano che in realtà il primo volo della LAI, e con esso la ripresa dell’aviazione commerciale italiana del dopoguerra, parte con un mese di anticipo rispetto ad Alitalia: il 14 aprile 1947 e veniva operato con l’allora “moderno” DC3.

E trattando degli anni in cui la LAI operò sono presenti nell'opera anche le tante altre compagnie aeree sorte in Italia in quel periodo, compagnie che le due sorelle più fortunate, grazie ai legami internazionali di cui godevano, misero ben presto in secondo piano.

Con la nascita della LAI negli anni della ricostruzione post-bellica l'autore del libro, Antonio Bordoni, vuole anche mettere in evidenza come i nostri vettori siano partiti in vantaggio rispetto ai due Paesi “ex-alleati” ovvero Germania e Giappone, ai quali era stato vietato di ricostruire la loro aviazione. Così mentre le nostre compagnie prendevano il via fin dal 1947, in Giappone ciò avverrà nel 1951, in Germania nel 1955. Per un certo numero di anni seguiremo anche l’andamento comparato dei tre vettori di bandiera di queste nazioni.

Dopo l’avvenuta unione fra LAI e Alitalia viene esaminato il periodo successivo per narrare come la nuova compagnia nata dalla fusione sia stata una protagonista di primissimo piano nella storia dell’aviazione commerciale mondiale per molti anni, all’incirca fino ai primi anni Settanta, periodo del suo maggiore splendore nonché di massima espansione della rete sociale. Ma a tale periodo l'autore dell'opera si è voluto fermare, poiché sul declino e sugli più recenti dell'Alitalia si è scritto tanto e si tratta di un periodo storico troppo recente per poter essere analizzato in modo obiettivo.

Antonio Bordoni ha coperto il ruolo di responsabile finanziario presso diverse compagnie aeree straniere. Tale posizione gli ha permesso di avere una visione privilegiata su ogni aspetto dell’industria aerea commerciale vivendo i cambiamenti epocali del settore: dall’elica al jet, dalla deregulation alle low cost. È stato autore di articoli per riviste aeronautiche e di monografie quali: 1978-2018: quarant’anni di deregulation (IBN 2018); Ryanair nel Belpaese, cronaca di una colonizzazione (LoGisma 2017); Quando il cielo esplode. Bombe e missili contro aerei di linea (LoGisma 2016); Piloti malati. Quando il pilota non scende dall’aereo (LoGisma 2015). È inoltre ideatore e curatore del sito www.air-accidents.com che riporta un completo e aggiornato database degli incidenti aerei a partire dal 1951, con statistiche e analisi sulla sicurezza del volo, e del sito www.aviation-industry-news.com dedicato alle strategie gestionali del trasporto aereo commerciale.

Autore: Antonio Bordoni

Titolo: LAI E ALITALIA NEGLI ANNI D’ORO

DELL’AVIAZIONE COMMERICIALE ITALIANA

Editore: LoGisma, 2018

www.logisma.it

mail@logisma.it

 

 

 

LE MOSTRE 

GUTTUSO, SCHIFANO E FONTANA  A FIRENZE

di Albert Ventura

FIRENZE - Fino al 22 luglio 2018 Palazzo Strozzi ospita la mostra Nascita di una Nazione. Tra Guttuso, Fontana e Schifano: uno straordinario viaggio tra arte, politica e società nell’Italia tra gli anni Cinquanta e il periodo della contestazione del Sessantotto attraverso ottanta opere di artisti come Renato Guttuso, Lucio Fontana, Alberto Burri, Emilio Vedova, Enrico Castellani, Piero Manzoni, Mario Schifano, Franco Angeli, Tano Fdesta, Mario Merz, Alighieero Boetti e Michelangelo Pistoletto.

L’esposizione, a cura di Luca Massimo Barbero, vede per la prima volta riunite assieme opere emblematiche del fermento culturale italiano del secondo dopoguerra, gli anni del cosiddetto “miracolo economico”, momento di trasformazione profonda della società italiana fino alla fatidica data del 1968. È in questo ventennio che prende forma una nuova idea di arte, proiettata nella contemporaneità attraverso una straordinaria vitalità di linguaggi, materie e forme. Un itinerario artistico, quello della mostra, che parte dalla diatriba tra Realismo e Astrazione, prosegue con il trionfo dell’Arte Informale per arrivare alle sperimentazioni su immagini, gesti e figure della Pop Art in giustapposizione con le esperienze della pittura monocroma fino ai nuovi linguaggi dell’Arte Povera e dell’Arte Concettuale.

 

 

 

STAMPA & DINTORNI

GORKANA EUROPEAN ALERT 

LONDON - Juliane Schäuble has been appointed as US Correspondent for the German daily regional newspaper Der Tagesspiegel, effective 1st June. Juliane will be reporting from Washington, D.C. She is currently Politics Editor for the newspaper, a role she has held since 2014.
For further information, Press Contact Sandra Friedrich can be reached on +49(0)30 29021 15527 and
sandra.friedrich@tagesspiegel.de

National Geographic (Germany) / P.M. Magazin
Jens Schröder is now Editor-in-Chief for the German edition of the monthly science, geography and history magazine National Geographic by the publisher Gruner + Jahr. In addition, Jens will be Editor-in-Chief for the publisher's P.M. titles, including the monthly science and history publication P.M. Magazin. He was previously Deputy Editor-in-Chief for the P.M. Group. Jens succeeds Florian Gless, who is now Publisher of the Community of Interest Wissen for Gruner + Jahr, alongside Gerd Brüne. Gerd will be retiring within the next year.
For further information, Press Contact Christine Haller can be reached on +49 (0)40 37 03 7288 and
haller.christine@guj.de

Playboy (Germany)
Michael Brunnbauer is now Editor on the newly-created Mobility and Lifestyle desk for the German edition of the monthly men’s magazine Playboy. Michael was previously Editor-in-Chief for the Austrian quarterly men's magazine Provocateur.
For further information, PR Manager Arne Schleef can be reached at 
arne.schleef@burda.com

Maxi (Germany)
The German publishing group Bauer Media has announced the following editorial changes to its monthly women’s interest magazine Maxi, effective in June:
 
Anja Delastik has been appointed as Editor-in-Chief; she is currently Editor-in-Chief for the German monthly women’s interest magazine COSMOPOLITAN. Lara Gonschorowski has been appointed as Deputy Editor-in-Chief. She is currently Deputy Editor-in-Chief for COSMOPOLITAN. Both will keep their current roles.
Birgit Querengäßer has been appointed as Deputy Editor-in-Chief and Chief Sub-Editor. Previously she was Chief Sub-Editor for the German monthly women’s interest magazine Jolie and also works as a Freelance Author.
Suzana Dulabic has been appointed as Beauty Editor. She is currently Beauty Editor for COSMOPOLITAN; she will also keep her role there.
Anne Oppel has been appointed as Editor. Between 2006 and 2017 she worked for the German monthly women’s interest magazine JOY, most recently as Deputy Editor-in-Chief.
Christina Valtl has been appointed as Deputy Beauty Director; previously she was on the beauty desk of the German monthly women’s interest magazine ELLE.
Stefanie Kastner has been appointed as Art Director. Previously she held the same role at the German monthly women’s interest magazine InStyle.
Valentina Milakovic has been appointed as Deputy Fashion Director. She was previously a freelance stylist for InStyle.
  For further information, Media Offic r Anna Störmercan be reached on +49 (0)40 30 19 10 74 and 
anna.stoermer@bauermedia.com

ZDF
The German national broadcaster Zweites Deutsches Fernsehen (ZDF) will merge the editorial offices of its programmes ‘drehscheibe’ (hub) and ‘hallo deutschland’ (hello Germany), effective 2nd May. Renate Lintz-Berkessel will be Editor of the new office.
ZDF’s press team can be reached on +49 (0)6131 70 12108 and
pressedesk@zdf.de

BR (TV)
Tilmann Schöberl is now Presenter ad interim of the weekly TV show ,Sonntags-Stammtisch' (Sunday Stammtisch) by the German regional broadcaster Bayrischer Rundfunk (BR). He succeeds Helmut Markwort, who has left the broadcaster to pursue other interests.
For further information, Press Contact Sonja Christlein can be reached on 
sonja.christlein@br.de

Il Sole 24 Ore - Radiocor
Stefania Arcudi is now a Reporter for the Italian daily national newswire Il Sole 24 Ore – Radiocor, by publishing group Gruppo 24 Ore. She was previously a Freelance Reporter for the same publisher, where she has worked since 2006, including seven years based in New York.
Stefania can be reached at
stefania.arcudi@il sole24ore.com

La Gazzetta dello Sport – Gazza Mondo
The Italian daily sports newspaper La Gazzetta dello Sport has now launched a supplement for international sport called Gazza Mondo. The supplement is published with the newspaper every Tuesday. Gazza Mondo is compiled by the same editorial team and covers the major leagues in Europe and the world, and provides interviews, stories, rankings, data, analysis and opinion.
La Gazzetta dello Sport’s editorial team can be reached at
segretgaz@rcs.it


Industry Intel

sporting hamburg
The German regional monthly sports Magazine sporting hamburg has been acquired by the German Mediahafen Hamburg publishing house. sporting hamburg has a print run of 60,000 copies and is available for free. Mediahafen Hamburg is part of the German media group FUNKE MEDIENGRUPPE.
For further information, PR Manager Dr. Tobias Korenke can be reached on +49 (0)201 804 6886 and 
presse@funkemedien.de


Journalist job alerts are provided by gorkanajobs.co.uk

CapitalStructure, Freelance European Press Stringers - London, UK
The UK financial newswire CapitalStructure is looking to recruit a number of freelance press stringers to quickly and accurately summarise relevant articles from the business press in France, Germany and Spain for around two hours each weekday morning. An early start is required. Fluency in the relevant European language is required; previous experience of press aggregation would be an advantage.
For more information about this opportunity and to apply, please click 
here

Thomson Reuters, Speed Desk Editor (DACH) - Berlin, Germany
The business newswire Thomson Reuters is seeking a Speed Desk Editor for its Berlin office to help cover breaking news in the Germany / Austria / Switzerland (DACH) region. The successful candidate will help coordinate day-to-day coverage of the region, assign tasks, liaise with desks and bureaus, write spot copy when necessary, and help plan for upcoming events. The ability to work under pressure, as well as strong editing, writing and technology skills are required. An understanding of economics and knowledge of the politics / business landscape in the DACH region is required, along with fluent English and very strong German skills.
For more information about this opportunity and to apply, please click 
here

Agefi-Dow Jones, Reporter - Paris, France
The Paris-based Agefi-Dow Jones French newswire is looking for a reporter to cover US tech blue chips and Wall Street during its 3pm-11pm shift. The candidate must have a solid experience in a financial website or a newswire. The fully bilingual journalist will write stories in French and translate newswire articles (English to French). The successful candidate will also write business analysis columns and will also occasionally need to cover non-US corporate news with a team of reporters and translators. A strong knowledge of diverse financial markets (equities, bonds, foreign exchange) is required, as is the ability to write clearly and quickly about corporate news, such as earnings reports, and central banks’ interventions.
For further information about this opportunity and to apply, please click 
here

MLex, Business Correspondent - Brussels, Belgium
The B2B newswire MLex is recruiting a Brussels-based correspondent to cover the EU courts and institutions and their impact on business, in particular in the field of competition law (investigations, litigation etc). The position would suit some someone with 1-3 years proven experience in journalism, preferably in a rolling-news environment such as a newswire. The candidate should be able to show aptitude, or at least potential, in writing, researching, contact building, and amassing expertise in a particular beat. Direct experience of business-regulation, in particular competition law, would be an advantage, but not a prerequisite. Experience of court reporting also an advantage. Mother-tongue English is essential; other European languages are a distinct advantage.
For further information about this opportunity and to apply, please click 
here

The Luxembourg Times, News Reporter - Luxembourg City, Luxembourg
The digital newspaper The Luxembourg Times, published by St Paul Group, is seeking a News Reporter to generate exclusive news and investigative articles on Luxembourg and its position within Europe. The successful candidate will have fresh ideas, at least three years’ experience covering business or politics, and preferably experience with social media and digital publishing trends. Fluent English is required. Proficiency in French, German and / or Luxembourgish is highly desirable.
For further information about this opportunity and to apply, please click 
here

Delano, Senior Journalist - Luxembourg City, Luxembourg
The media company Maison Moderne is seeking a Senior Journalist for their English-language Luxembourgish magazine Delano to write original content for print and online. The successful candidate will have university level qualifications and several years of journalistic experience, as well as strong interpersonal skills and the ability to work independently. Perfect English is required; knowledge of French / German / Luxembourgish would be a strong asset. The permanent position is full-time and the start date is to be agreed.