LA "SUMMER" DELL'ALITALIA VERSO IL SUD, LE ISOLE E IL MEDITERRANEO

 

ROMA - In attesa che da Bruxelles arrivi l’ok che permetta di far decollare la newco Ita, Alitalia resiste sul mercato nazionale ed europeo e lancia per l’estate i nuovi voli, soprattutto verso gli scali del Sud e delle isole e i paesi del Mediterraneo. Lo scrive Serena Martucci su www.lagenziadiviaggi.it

 

Oltre a continuare a volare verso le maggiori capitali europee e New York, infatti, Alitalia prova a contrastare le compagnie low cost sulle rotte della summer 2021 e annuncia che collegherà i maggiori aeroporti italiani con la Sardegna, la Sicilia, la Puglia e la Calabria, e tornerà a volare per le mete turistiche della Grecia, Spagna e Croazia.

 

In particolare, ecco l’operativo leisure per l’estate. Da Roma Fiumicino: Cagliari, Olbia, Alghero (Sardegna); Catania, Comiso, Lampedusa, Palermo, Pantelleria (Sicilia); Bari, Brindisi (Puglia); Reggio Calabria, Lamezia Terme (Calabria); Cefalonia, Creta, Corfù, Mykonos, Rodi, Santorini, Skiathos, Preveza, Zante (Grecia), Ibiza, Minorca, Palma Di Maiorca (Spagna); Dubrovnik e Spalato (Croazia).

 

Da Milano Linate: Cagliari, Olbia, Alghero (Sardegna); Catania, Comiso, Lampedusa (Sicilia); Bari, Brindisi Puglia); Reggio Calabria, Lamezia Terme (Calabria); Rodi (Grecia); Ibizia, Minorca, Palma De Maiorca (Spagna). 
Da Milano Malpensa, invece, è previsto solo il volo per Cagliari

La Sardegna, infine, sarà collegata anche da Pisa e Bologna, entrambe con dei voli per Olbia, e da Verona per Cagliari.

 

Negli ultimi mesi l’operativo di Alitalia è cresciuto sensibilmente e nei mesi di maggio e giugno, in confronto agli analoghi mesi del 2020, la compagnia opererà oltre 12 mila voli (+150%) mettendo a disposizione della clientela circa 1,7 milioni di posti (+128%).

(www.lagenziadiviaggi.it)

 

 

 

AMERICAN AIRLINES RIPRENDE I VOLI ROMA-NY SENZA QUARANTENA

 

ROMA - Domenica 9 maggio alle 7.15, è atterrato presso l’Aeroporto di Roma Fiumicino (FCO) il primo volo proveniente da New York John F. Kennedy (JFK) dopo un anno di sospensione, che è successivamente ripartito alle 9.40 verso New York. Mettendo al primo posto la sicurezza dei passeggeri e del personale, American Airlines sta intraprendendo un percorso di ricostruzione del proprio network globale e la ripresa del volo tra Roma e New York ne è parte integrante.

 

Per tutta la stagione estiva American opererà voli da Roma Fiumicino (FCO) a New York John F. Kennedy (JFK) con aeromobili Boeing 777-200 che offrono ai passeggeri 3 esperienze di viaggio: Flagship Business, Premium Economy e Main Cabin. Grazie al grande lavoro svolto dalla compagnia in collaborazione con le autorità italiane e AdR il volo tra Roma e New York è Covid-tested e non prevede la quarantena dopo l’ingresso in Italia.

 

“Non vediamo l’ora di dare il benvenuto a bordo ai nostri passeggeri da Roma, non appena saranno pronti per ricominciare a volare – ha detto Tom Lattig, vicepresident EMEA Sales di American Airlines – American prevede di trasportare oltre il 90% della sua capacità di posti a livello domestico rispetto all’estate 2019 e dell’80% della sua capacità di posti sulle rotte internazionali rispetto al 2019. Siamo grati per il supporto ricevuto da AdR per le misure di sicurezza messe in atto a terra, ad integrazione e completamento dei nostri sforzi in volo e siamo lieti che il Comune di Roma Capitale stia lavorando nella stessa direzione. Il protocollo di sicurezza dei voli Covid Tested lanciato in Italia che non prevede la quarantena dopo l’ingresso nel Paese è stato un passo importante in questa direzione”.

 

“Siamo lieti di accogliere l’avvio del volo Covid tested Roma Fiumicino – New York JFK ad opera di un partner storico come American Airlines che arriva a ridosso della stagione turistica estiva ormai prossima a dispiegare il suo potenziale – ha commentato Federico Scriboni Head of Aviation Business Development di AdR – Quello dei voli Covid tested è un progetto che è stato fortemente voluto da ADR e promosso da tutti gli stakeholder. Riteniamo infatti possa contribuire a rivitalizzare, in piena sicurezza, mercati pressoché azzerati dall’obbligatorietà della quarantena come è stato per il traffico extra Schengen, segmento strategico per lo sviluppo del trasporto aereo, dello scalo romano e del Paese”.

 

Da Roma Fiumicino (FCO) American opera anche il volo verso Dallas / Fort Worth (DFW), offrendo ai passeggeri tre esperienze di viaggio: Flagship Business, Premium Economy e Main Cabin. Ad oggi questo volo non è Covid-tested.

 

 

 

A SCHIPHOL STOP AI CONTROLLI MANUALI DEI BAGAGLI

 

AMSTERDAM - Mai più controlli manuali: è questa la parola d’ordine dell’aeroporto olandese di Amsterdam-Schiphol, che ha deciso di modificare le operazioni che riguardano i bagagli a mano dei passeggeri.

 

Normalmente, ci sono gli addetti che si occupano di tutto questo prima che il viaggiatore salga a bordo dell’aereo, un modo per dimostrare che nella valigia non ci siano liquidi od altri elementi sospetti.

 

Nell’hub olandese si farà affidamento sugli scanner, più precisamente nel Terminal 1 che vuole ottenere come obiettivo una minore occupazione dello spazio e l’eliminazione progressiva dei controlli a mano.

In aggiunta, si rispetterà maggiormente la privacy in quanto il passeggero non dovrà imbarazzarsi per l’eventuale contenuto del suo bagaglio. I primi test che hanno coinvolto i dispositivi in questione risalgono al 2015, con una introduzione che è stata molto rapida nel corso del tempo.

 

 

 

IN QUARANTENA TUTTI I PILOTI DI CHINA AIRLINES

 

TAIPEI - Il governo di Taiwan ha deciso di mettere in quarantena tutti i piloti di China Airlines, un isolamento che dovrà durare 14 giorni, motivato dall’emergenza sanitaria.

 

Un'epidemia si è sviluppata tra i membri d’equipaggio della compagnia, con il ministero locale della salute costretto ad intervenire. I contagi confermati sono 35 e l’unico modo per interrompere la catena di trasmissione è proprio la quarantena di due settimane.

 

Taipei si è detta sicura del fatto che una scelta del genere avrà delle conseguenze importanti sull’operatività di China Airlines, sia per quel che riguarda i voli di linea che per il ritorno dei passeggeri nell’ex-Repubblica di Cina. I piloti attualmente in isolamento avranno la possibilità di uscire dagli hotel messi a disposizione per l’isolamento soltanto dopo l’ufficialità della negatività al test covid.

 

 

 

DASSAULT LANCIA IL BUSINESS JET FALCON 10X A LUNGHISSIMO RAGGIO

 

PARIGI - La Dassault ha annunciato una nuova versione del velivolo Falcon che offrirà un livello di comfort, versatilità e tecnologia ineguagliato da qualsiasi business jet appositamente costruito. Con un’autonomia di 13.900 Km (7.500 miglia nautiche), il Falcon 10X volerà senza scalo da New York a Shanghai, da Los Angeles a Sydney, da Hong Kong a New York o da Parigi a Santiago.

 

Il velivolo francese avrà una velocità di crociera di Mach 0,85 mentre la massima sarà di Mach 0,925 ed entrerà in servizio alla fine del 2025  cercando di sfidare Bombardier (Global 7500) e Gulfstream (G700) nel mercato dei business jet a lunghissimo raggio.

 

“Oggi stiamo introducendo un nuovo punto di riferimento nell’aviazione d’affari”, ha affermato Eric Trappier, Presidente e CEO di Dassault“Il Falcon 10X offrirà ai passeggeri un’esperienza impareggiabile su voli sia di breve che di lunga durata, insieme a caratteristiche di sicurezza rivoluzionarie derivate dalla tecnologia militare da combattimento di prima linea di Dassault. Abbiamo ottimizzato ogni aspetto del velivolo pensando al passeggero e stabilito un nuovo livello di capacità per gli aerei a lunghissimo raggio”.

 

 

 

FINLANDIA VERSO LA SCELTA DEL SUO NUOVO CACCIA

 

HELSINKI - La gara per l'acquisizione di un nuovo caccia per l’Aeronautica Finlandese per il rimpiazzo degli F/A-18 attualmente in servizio è alle battute finali. Le 5 aziende partecipanti hanno presentato l’offerta in vista della selezione della proposta giudicata migliore entro l’anno.

Il requisito riguarda il procurement di 64 velivoli per un programma il cui costo è stimato in 9 miliardi di euro.

 

I due grandi favoriti sembrerebbero il GRIPEN E e l’F-35. Oltre al caccia, Saab ha offerto anche 2 GLOBALEYE Airborne Early Warning & Control (AEW&C), nell’ambito di una vera e propria integrazione tra Aeronautica Svedese e Finlandese avente al centro, appunto, il GRIPEN E, mentre Lockhedd Martin è “forte” di un’offerta che prevede il solo velivolo di Quinta Generazione in gara.

 

Buone possibilità sembra avercele anche il TYPHOON con un’offerta, presentata da BAE Systems per conto del Consorzio Eurofighter, che prevede una configurazione del caccia europeo dotata del nuovo radar AESA CAPTOR-E Mk2, lo stesso che equipaggerà in refit i TYPHOON T3 della RAF. Un po' più defilati, invece, sembrano essere il RAFALE e il SUPER HORNET.

 

 

 

FA DISCUTERE LA TASSA SPAGNOLA SUI BIGLIETTI AEREI

 

ROMA - L’obiettivo è stato svelato, un gettito da 1,3 miliardi di Euro l’anno: ecco cosa si sta prefiggendo il governo spagnolo mediante l’applicazione di una tassa specifica sui biglietti del trasporto aereo. Bruxelles ha ricevuto la proposta formale da parte di Madrid.

La tariffa - precisa Avionews - interesserà i passeggeri che transitano in aeroporto, un modo per scoraggiare questo tipo di spostamenti. L’esecutivo è stato chiaro come non mai, la tassa sui biglietti di cui si sta parlando serve a promuovere altri mezzi di trasporto, considerati più sostenibili e rispettosi dell’ambiente rispetto ai velivoli.

 

Tutto questo è spiegato nel piano fiscale che la Spagna ha consegnato all’Unione europea, una proposta che sta facendo già discutere parecchio. Un altro obiettivo da raggiungere è l’esplorazione di tecnologie innovative e di combustibili che siano meno inquinanti rispetto a quelli attuali.

 

Una iniziativa simile era stata formulata anche prima che scoppiasse la pandemia da coronavirus, con il ritiro della stessa a causa della crisi innescata dall’emergenza sanitaria. Madrid non ha ancora specificato quale sarà l’importo esatto della riscossione tributaria, ma c’è chi ha calcolato un possibile aggravio di oltre 4 Euro per i viaggi brevi, una ventina di Euro per le distanze considerate medie e fino a 42 Euro per il lungo raggio.

(Avionews)

 

 

 

 

 

 

 

 

FAA: I B-737 MAX SONO A RISCHIO CORROSIONE

 

NEW YORK - La Federal Aviation Administration (Faa) ha aggiornato le direttive legate all’aeronavigabilità degli aerei B-737 Max. I velivoli sono finiti al centro delle polemiche per via dei due incidenti mortali avvenuti di recente in Indonesia ed in Etiopia, ora invece si è aggiunto un nuovo rischio dopo la maggiore confidenza mostrata nei suoi confronti da diversi vettori aerei.

L’ispezione completa è terminata da tempo, eppure Faa ha fatto riferimento alla possibile corrosione provocata dallo stoccaggio a lungo termine che potrebbe portare ad un peggioramento del potenziale di spinta. Sembra che la soluzione al problema sia piuttosto semplice e non dovrebbe nemmeno rappresentare un onere significativo dal punto di vista economico, eppure non si può essere del tutto tranquilli.

Secondo quanto messo nero su bianco dall’ente americano, i motori del 737 Max soffrirebbero di corrosione a causa dei lunghi periodi di rimessaggio. La situazione si presenta dunque nel momento in cui i velivoli rimangono “parcheggiati” per molti mesi (come avvenuto durante il lockdown) senza essere utilizzati.

 

 

 

 

 

 

U.S. AIR FORCE: A TERRA LA FLOTTA DI B-1B PER PROBLEMI TECNICI

 

WASHINGTON - L’intera flotta di B-1B Lancer dell’U.S. Air Force è stata messa a terra a scopo cautelativo in quanto è stato rilevato un problema all’alloggiamento del filtro della pompa del carburante.

 

In un esemplare di Lancer l’alloggiamento del filtro aveva un buco di notevoli dimensioni tale da provocare una copiosa perdita di carburante.

I tecnici sono stati infatti allarmati da una lunga scia di carburante che il pesante bombardiere “lasciava” a terra dietro di sé.

 

A causa di questo problema i piloti non possono accendere il postbruciatore privando quindi l’aereo di una “fondamentale” spinta. Si npnsa che il problema venga risolto nel giro di qualche giorno.

 

 

 

 

 

 

LA BUNDESWEHR RITIRA GLI ELICOTTERI "BELL UH-1D" DOPO 53 ANNI DI SERVIZIO

 

BERLINO - Le forze armate tedesche, Bundeswehr, hanno ufficialmente ritirato l’elicottero Bell UH-1D dopo oltre 53 anni di servizio. 12 aprile 2021, l’elicottero UH-1D del servizio di ricerca e soccorso della Bundeswehr ha sorvolato Holzdorf per l’ultima volta durante la cerimonia di ritiro dal servizio dell’elicottero alla presenza del ministro della Difesa Annegret Kramp-Karrenbauer.

 

Dal 1968, la Bundeswehr ha gradualmente acquistato 340 UH-D1, e per quasi mezzo secolo, il suono caratteristico dell’elicottero SAR Bell UH-1D della Bundeswehr ha riecheggiato nei cieli della Germania. Gli elicotteri sono stati utilizzati per il trasporto passeggeri, per combattere gli incendi boschivi, le inondazioni e per i servizi di ricerca e soccorso (SAR).

 

Gli anziani Bell UH-1D sono stati sostituiti dai nuovi elicotteri Airbus Helicopters H145 LUH SAR (Light Utility Helicopter Search and Rescue). L’H145M, la versione militare dell’H145, è un elicottero leggero bimotore già abbondantemente collaudato che è stato consegnato per la prima volta alla Bundeswehr nel 2015 e da allora è stato ordinato anche da Serbia, Ungheria, Thailandia e Lussemburgo.

 

La disponibilità alla missione degli H145M già in servizio è superiore al 95%. Gli elicotteri H145 LUH SAR sono dotati di telecamere ad alte prestazioni, proiettori, sistemi di localizzazione di segnalatori di emergenza, una suite completa di apparecchiature mediche, verricello di salvataggio e ganci di carico che possono essere utilizzati ad esempio per le benne antincendio.

 

Tutte e sette le macchine Airbus ordinate sono state consegnate all’esercito tedesco e l’addestramento di tutti i primi 51 piloti è stato completato prima del Natale dello scorso anno. Nel 2021, l’attenzione sarà rivolta alla professionalizzazione degli equipaggi e all’espansione delle loro capacità di volo in montagna.

 

Il Bell UH-1D potrà essere ancora essere visto volare sopra la Germania fino alla fine di giugno 2021 con un elicottero “special color” che poi sarà esposto e potrà essere ammirato solo nel museo degli elicotteri di Bückeburg.

***

(Aviation Report)